il mio regno

qui si parla di…. Luigi Tenco

Inediti di Tenco saranno presentati con orchestra sinfonica

(stralcio di una intervista a Enzo Jannacci del 18.5.2007) da ilgiornale.it

——————————————

Ma ai ragazzi non interessava il rock?

«Prima dei Beatles non tanto; venivano soprattutto per le ragazze».

Però avete suonato in Germania al posto di Elvis.

«Sì, non ricordo neppure perché, comunque anche quella fu una gran serata. Solo che Adriano non era in forma, così smise di cantare e il microfono passò a Tenco che era in serata di grazia. Lui sapeva bene l’inglese, cantò e suonò brani di Bill Haley e James Brown. Un trionfo. Tra l’altro ora ho scritto il testo per alcuni inediti di Tenco che presenterò a Parma con un orchestra sinfonica il 21 giugno».

È strano oggi pensare a lei, Tenco, Celentano scatenati rocker.

«Era un modo di trasgredire. Io sono nato col jazz; quando il papà di Fabio Concato mi ha fatto ascoltare i dischi di George Shearing mi sono buttato sul bebop. Il jazz è un diamante, il rock una pietra semipreziosa anche se è carico di energia contagiosa. Tenco era un sassofonista eccezionale; quando si liberava dalla timidezza diventava un demonio. Poi è andato a Roma ed è stata la sua fine… Celentano è ancora oggi il rock».

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

2 pensieri su “Inediti di Tenco saranno presentati con orchestra sinfonica

  1. Se non altro Enzo Jannacci riconosce i meriti di Tenco…

  2. anonimo in ha detto:

    Enzo Jannacci quando parla di Luigi si emoziona sempre. Devo però confessarvi che questa volta non condivido il suo giudizio sul periodo romano di Luigi, quando dice: “…Roma è stata la sua fine…” . Roma è stata solo un momento di gran cambiamento, un passaggio importante per la sua carriera, uno stimolalo nuovo, il tentativo di fare ricerca più avanzata, la speranza di ottenere quel successo che da troppo tempo aspettava e Genova e Milano non erano state in grado di dargli; Roma era la grande industria musicale (RCA), la ricerca di un contagio con altre forme artistiche: cinema, pittura, fotografia, il Piper, la politica… . A proposito di Roma, non si parla mai della sua casa romana, di come era arredata, di cosa conteneva…, eppure, presumo sia il luogo dove erano rimasti i suoi ultimi appunti, ricordi… .Che fine hanno fatto? Chi ha fatto il trasloco? Era presente qualche amico? I familiari hanno detto qualcosa? Ciao a tutti. Balans

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: