il mio regno

qui si parla di…. Luigi Tenco

Archivi per il mese di “febbraio, 2008”

Luigi Tenco…dopo la prima censura

Questa scena, che ho tratto dal programma televisivo "Musica  Hotel" di Dino Verde, dimostra che Luigi Tenco, dopo gli strali della censura per i brani "Cara maestra", "io sì" e "Una brava ragazza" si ripresentò in video agli spettatori italiani, dopo solo alcuni mesi.  Certo, però, è pur vero che i condizionamenti furono talmente pesanti che Luigi non poté accettare di buon grado queste "chiamate" RAI, per cui non deve meravigliare alcuno se, nel corso di una intervista sosterrà che la canzoncina "cara maestra" gli era costata un paio di anni di oscuramento TV.

latstv

Annunci

La fatina di Sassari

locandinailmioregnorescaldinaContinua a riscuotere importanti riconoscimenti il progetto "Tenco, le donne e la musica" che, presentato in primis presso lo storico teatro Litta di Milano, è stato apprezzato anche nei comuni dell’alto milanese di Busto Garolfo e Rescaldina il 15 e 16 febbraio c.m.
Si tratta di un progetto che, la giovane pittrice sarda Maria Vittoria Conconi ha voluto realizzare con la produzione di 12 acquerelli (uno per ogni mese dell’anno) ispirati, così lei sostiene, dalle figure femminili che popolano le belle canzoni di Luigi Tenco, il compositore, ligure di adozione, che si tolse la vita durante un Festival di Sanremo al quale partecipava.
Nel comune di Busto Garolfo prima ed in quello di Rescaldina poi, le sue opere, oltre ad essere state esposte sono state anche accompagnate da una presentazione multimediale ben curata e integrate da interventi mirati di alcuni suoi amici,bgprove da canzoni che in parte hanno coinvolto anche un pubblico attento e conpartecipebgplatea e da poesie recitate da un giovane artista-poeta supportato da note di contrabbasso e chitarra.
Per Maria Vittoria Conconi un bel successo dunque, suffragato anche da importanti apprezzamenti critici che le stanno piovendo addosso proprio in questi giorni. bgspettacolo
Le 12 opere hanno ispirato anche la produzione di un "introvabile" calendario che sappiamo essere stato apprezzato perfino dai familiari di Luigi Tenco.
Fra le opere esposte che riproducono donne comuni arrabbiate e non, fatine (molto curata e bella quella relativa al brano "il mio regno"), ninfe etc., non è presente però la figura materna che la pittrice pare abbia voluto idealizzare con la produzione di un tredicesimo acquerello, a lei ispirato dal brano che Luigi scrisse per sua madre Teresa, dal titolo "Vedrai, vedrai".
Di questo ultimo acquerello il pubblico si è dovuto accontentare della presentazione multimediale ben suffragata comunque da un significativo intervento critico e dalla presentazione di un video nel quale Luigi interpreta in maniera impeccabile il suo brano.
I prossimi appuntamenti dovrebbero costringere l’artista sarda a restare fra la sua gente in quanto stanno manifestando interesse al progetto tanto il comune di Sassari quanto la Provincia che sembra disposta ad accogliere le opere nell’ambito di un progetto più ampio.
Nelle circostanze della Festa della Donna ci sarà una nuova mostra (il 10 marzo p.v) alla quale parteciperà una storica delle donne, Marina Addis Saba, di cui ricordiamo le recenti pubblicazioni "Non recidere forbice quel volto","La scelta. Ragazze partigiane, ragazze di Salò" e "Partigiane. Le donne della Resistenza" e dove una cantante soprano si impegnerà ad eseguire un brano di Tenco.
A chi resta in terraferma e richiede un nuovo appuntamento consigliamo di aspettare con fiducia perché…l’arte non ha confini.

 

Due appuntamenti da non mancare….

2appuntamenti

Busto Garolfo e Rescaldina per L.Tenco

Busto Garolfo e Rescaldina rendono omaggio a Luigi Tenco con le opere di Maria Vittoria Conconi.

Ancora iniziative e tributi volti a ricordare Luigi Tenco a poco meno di un mese dai suoi ipotetici 70 anni.
C’è chi preferisce, infatti, far conto di considerare ancora vivo il compositore piemontese, magari confuso fra la gente che lo apprezza e ne rievoca il ricordo nei giorni che ne ricordano la nascita, piuttosto che in quelli tristi della sua scomparsa.
Saranno ancora una volta le opere d’arte della pittrice sarda Maria Vittoria Conconi a farla da padrona presso la Biblioteca Comunale di Rescaldina, comune limitrofo a Milano, dove verrà allestita ed inaugurata alle ore 11 di sabato 16 febbraio 2008, la Mostra dal titolo "Luigi Tenco, le donne e la musica".
Reduce dal successo ottenuto, sul finire del 2007, allo storico teatro milanese LITTA, l’Artista sarda offre dunque una nuova opportunità di poter apprezzare le sue opere, ispirate dalla influenza che su Lei ha esercitato la figura di Luigi Tenco.
Ma già la sera prima (15 febbraio 2008) il vicino comune di Busto Garolfo si è fatto promotore, grazie al suo assessore alla cultura, di uno spazio dibattito su Luigi Tenco dove, oltre alla già citata artista, potrebbero confluire anche altri storici ed opinionisti.
A questo punto viene veramente da sorridere se si pensa che il direttore del Radio Corriere TV, rivista settimanale a tiratura milionaria, sentenziò nel febbraio del 1967, che di Luigi Tenco, dopo appena una settimana, nessuno avrebbe più sentito parlare. Ma i giornalisti si sa, per quanto bravi possono essere, commettono sempre degli errori.

recensione4

16 e 17 febbraio…Tenco in Lombardia e nelle Puglie.

16 e 17 febbraio…Tenco in Lombardia e nelle Puglie.

Due tributi a Luigi Tenco caratterizzeranno questo mese di febbraio.

Il primo è uno spettacolo che fu rappresentato alcuni mesi fa nel comune di Pregnana Milanese e che ora viene riproposto alla "Casa del popolo" di LODI sempre in Lombardia.

L’altro è una rappresentazione teatrale già messa in scena l’anno passato nelle Puglie e che viene ripresentata a BITONTO (Bari).

reminoremini

unastoriamini

Navigazione articolo